Edge Computing: internet si trasforma in outernet

edge computing

La nuova tecnologia che si sta affacciando con insistenza del mondo IT porta il nome di Edge Computing.
In molti gridano alla fine del cloud computing, altri, più cauti, parlano di un modo per decentralizzare il cloud stesso per poter dare più indipendenza a certe applicazioni che fino ad oggi hallo lavorato strettamente correlate ai data center remoti.

Cos’e L’Edge Computing?

Ma vediamo nello specifico che cos’è l’Edge Computing, quali le sue funzionalità e le sue caratteristiche:

L’Edge Computing può essere definito come una risorsa di Information and Communication Technology che è posizionata e attivata in prossimità dell’utente finale o, come ad esempio nel caso dell’Internet of Things, vicino alla fonte di dati.
L’Edge Computing presenta una serie di necessità e di peculiarità che sono diverse da quelle che si incontrano nella gestione dei Data Center tradizionali, proprio perché questo tipo di risorse di calcolo, sopratutto nei progetti IoT, devono essere collocate in sedi remote, spesso con forme organizzative diverse da quelle tipiche dei data center, ovvero senza uno staff IT locale a supporto.

Parliamo di Outernet

Stiamo assistendo ad un avere propria trasformazione: Internet si sta evolvendo e sta diventando Outer Net.
Questo perché i dispositivi ai margini della rete (ex) trovano sempre un più largo utilizzo e di impiego.

Tra le applicazioni tangibili dell’Edge Computing troviamo: sensori, sistemi industriali, telecamere, POS, smart meter per elettricità, gas e acqua.

Come funzionano i sistemi Edge Computing?

I sistemi di Edge Computing permettono di fronteggiare i problemi di mancanza di banda e latenza comunicando indirizzandosi al cloud in un modo anticonvenzionale. Questo perché riducono la quantità di dati da trasmettere ma soprattutto lavorano quelli critici nel punto di origine. Con l’ausilio di uno smart device oppure un server intermedio o posizionato in prossimità avviene, poi, il trasferimento.

Un nuovo cambiamento nel mondo IT… ma sarà solo il tempo a mostrarci la sua evoluzione e le sue applicazioni sul campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.